• venerdì , 22 settembre 2017

Diving a San Vito lo Capo

Bellissima esperienza trascorsa alla scoperta delle bellezze sottomarine, grazie a il Diving Center di San Vito Lo Capo, un diving center di grande esperienza ormai da più di 30 anni che con la passione per il loro lavoro e per il mare di San Vito lo Capo, riescono a trasmetterti l’amore per le ricchezze di questo mare e la passione per il sub.

A San Vito lo Capo, ci sono diversi diving center, nati sulla scia di Nautisub.it, ma con il gruppo di subacquei professionisti e amanti del proprio lavoro e della loro terra, e mare, in questo caso, siamo riusciti a fare davvero un esperienza unica, adatta anche per chi come alcuni di noi si accostavano a questo ambiente per le prime volte.

diving center

Vi sono vari punti adatti per fare immersioni, tra questi molto interessante e adatta anche per neofiti, la Parete della Tonnara: una parete verticale che da 3 metri scende fino a 30/35 metri di profondità.

Bellissimo il contrasto dei fondali di sabbia bianca e la roccia scura dove trovi insenature, che nonostante la profondità, vi era molta luce che permetteva belle riprese e fotosub.

Lì, abbiamo potuto vedere la fauna marina come murene, cernie e molti altri pesci abitanti in quelle rocce.

Altro sito di immersione molto interessante e popolare, anche se solo per i più esperti, in quanto si trova ad una profondità di 48 metri, è il relitto di Kent, chiamata anche Nave dei Corani, appunto per il suo carico di libri che trasportava a bordo.

Seguiti dal diving center Nautisub.it ,  ci hanno portati a visitare anche l’interno di questo relitto lungo circa 80 metri, muniti di torcia ci siamo avventurati in questa unica esperienza, al di fuori abbiamo incontrato pesci in branco, come saraghi che nuotavano indisturbati intorno alla nave, inoltre anche lì abbiamo avvistato una murena e cernie, gronghi e scorfani.

Tra le tante proposte per tutti i gradi di esperienza, vi consiglio anche una nuotata con immersione in una delle tante secche, poco vicino appunto al relitto del Kent, il personale del diving center ci ha portato nella secca della Cataratta: vi sono vari percorsi da fare, potrete farvi suggerire anche dai sub professionisti che vi seguono, comunque tutti con una ricchezza di fauna e flora marina che permettono foto subacquee di grande effetto scenico, per i bei colori e per la luminosità.

Related Posts